Challenge 5kg, oggi suspance

E no… Basta. Bisogna amarsi per quello che si è migliorandosi sempre.

Ciò non vuol dire perdere la testa dietro una bilancia per vedere se sono scesa 200 grammi. E no…

Oggi non mi penserò, continuerò a fare ciò che faccio, magari cercando di fare un po di attività fisica se ci riesco e senza stress.

Perché guardandosi allo specchio una deve vedere se stesso, un sorriso, una persona felice, un momento bello… Se si iniziano a vedere musi lunghi o occhi spenti stiamo sbagliando tutto.

La ricetta migliore della vita sei tu… Quindi sei tu che decidi cosa realmente essere. Con o senza qualche kg in più.

Ed ora io vado a prendere di petto la vita…. Così come sono

Annunci

Vorrei regalarti il tempo

Sono cresciuta con i miei nonni… Ne ho sempre avuti solo due, quelli materni.

I miei nonni paterni sono volati via quando io ero appena nata e non li ho mai conosciuti.

E così sono stata coccolata per molto tempo… Facevo finta di partire per le vacanze, mi facevo una finta valigia, saltavo il muretto che divideva casa mia con quella dei nonni e mi trasferivo lì.

Un rapporto viscerale…. Dovevo comprare il primo telefono, loro c’erano, dovevo comprare lo scooter e loro c’erano.

C’erano quando mi serviva un consiglio, c’erano quando ero arrabbiata, delusa, impaurita. Dietro quella porta io trovavo il mio porto sicuro, la mia serenità.

Non sapevano né leggere e né scrivere eppure io salivo sul mobile della cucina, sempre al solito posto, con mia nonna che ripeteva puntualmente : “non lo rompere che non ne posso comprare un altro”. Senza urlare, senza farmi scendere… Solo con quel sorriso sulle labbra. Gli parlavo della scelta delle superiori, dell’economia, della politica, di inglese ed anche di chi mi faceva battere il cuore. Parlavo dei miei problemi delle mie paure… poi dell’università… E per me c’era sempre la giusta risposta.

Parola d’ordine dei miei nonni: ‘Fai ciò che ti rende felice, che la vita è una.. “. Quando impaziente come sempre volevo far correre il tempo mio nonno mi ripeteva:” Tanto più lunga sarà l’ attesa, tanto più lunga sarà la sorpresa”.

E poi mio nonno se ne andò, in una fredda mattina di febbraio. Porto ancora con me i segni di quel giorno e di tutti quelli passati, ma ciò che porto con più piacere sono i suoi infiniti insegnamenti ed il tempo che mi ha dedicato.

Mia nonna me la sto ancora coccolando, la vedo camminare a fatica, ma per me ha sempre quell’incantevole sorriso di quando mi teneva in braccio. E pensare che adesso la porterei io in braccio ovunque.

E domani farà 92 anni… Ho pensato a lungo a cosa regalarle… Poi ho capito. Vorrei regalarle altro tempo, vorrei mettere indietro il suo orologio per permettere ai miei figli di avere un esempio come quello che ho avuto io… Ma non sarebbe giusto…

Ed allora le regalerò il mio tempo, mi prenderò un caffè con lei, la porterò a salutare nonno, a fare la spesa… Mi risiederò al mio posto solo per sentirle dire la solita frase, la guarderò cercando di rubare più ricordi possibili…. E starò con lei…

Non so quanto tempo avremo ancora… Io cercherò di viverlo a pieno per avere da lei tutto il meglio che c’è: l’amore incondizionato di una nonna

Challenge 5 kg, consapevolezza

Eeee non so se lo sapevate già ma i dolci non sono ammessi nella dieta…. E no…No, non possono sostituire la frutta tanto meno i 10 grammi in meno di pane. Perché un fottuto pezzettino di quel dolce stupendo che mi fa tornare il sorriso pesa sulla bilancia come un mattone.E quindi eccomi… Si, lo sapevo che i dolci erano vietati, certo che lo sapevo ma vuoi vedere tu che un biscottino di pasta frolla fa tutto sto casino? Eeee a quanto pare sì.E lo fa da dopo la gravidanza perché io ero una quelle fortunate, quelle che potevano mangiar eun bue e la bilancia era sempre la stessa…Ora anche l’acqua può fare danni…. E va bene…ho capito… I dolci li mangerò un gior o soltanto a settimana…. Ma non mi fermo… Vado avanti… Vedrò scendere quel peso…. Ne sono certa.Nel prossimo post qualcosa di me, qualcosa di importante…

Migliorati sempre, ma amati per quello che sei

Non siamo tutti uguali… C’è chi è biondo, chi moro, chi rosso… Chi alto, chi basso, chi bianco, chi nero e così via.

Ed anche se abbiamo gli stessi occhi, gli stessi capelli, la stessa altezza ci sarà sicuro qualcosa che ci differenzia…

Quella particolarità che ci rende unici in mezzo a tutti. Anche i gemelli, e ci parlo per esperienza, hanno qualcosa che li differenzia.

Ma nelle nostre particolarità siamo stupendi.

Perché sei bella tu che combatti per prendere qualche kg e lo sai altrettanto tu che pagheresti per perderli invece i kg.

Stupenda sei tu con gli occhi scuri e tu con quelli chiari. E poco importa se sei alta 1.80 o poco più di 1.60 perché ciò che ti rende bella sei semplicemente tu così come sei.

E sei unica tu con gli occhiali e l’apparecchio ai denti così come tu con i tatuaggi.

E sei bella tu su una yatch a prendere il sole come tu dietro n bancone a lavorare.

E tu con le cicatrici addosso di una vita, di un incidente o di una violenza sei la più bella tra le belle.

Perché non esiste ciò che è brutto. Esiste ciò che non piace ed è soggettivo, ma tutto è bello se siamo le prime a guardarci allo specchio ed a vederci fottutamente belle per quello che siamo.

Non dico di uscire in pigiama con il trucco della sera spalmato addosso o di trascurarci.. No dico di apprezzarci per quelle che siamo che sia una XXL o xs, che sia bionda o mora, alta o bassa l’importante è sorridere quando ci si guarda allo specchio, volersi bene e migliorarsi nel rispetto di noi stesse.

Lo stereotipo che devi seguire sei solo tu che dell’imperfezione agli occhi degli stolti ne farai una scudo di bellezza.

Quindi migliorati sempre, ma amati per ciò che sei… Perché sei bella così come sei.

Partendo da questo punto tutto sarà estremamente più bello… Comprese voi.

Challenge 5kg… 10 giorni al verdetto

Avete provato ad entrare in un supermercato con una fame assurda? No, vi prego non lo fate..Sareste capaci di mangiare anche il commesso, più o meno come ho fatto io stamattina.Ieri sera ho mantenuto il mio regime alimentare… Mi sono davvero fatta un applauso quando davanti alla crema catalana di mio marito ho girato lo sguardo. Certo mi sono dovuta mordere la lingua, ma ho preferito l’anguria.Tutto lì… È una questione di scelte… No crema catalana, sì anguria.E stamattina il risultato della mia scelta banale si è vista sulla bilancia. Certo poco, ma sono i piccoli passi che poi ti portano lontano.E la fame ovviamente inizia a farsi sentire e quando entri in un supermercato con ogni ben di Dio e pizza appena sfornata la bava esce da sola dalla bocca… Ve lo assicuro…Vi farò sapere come procede e nel frattempo beviamo sti due litri d’acqua che sembrano infiniti…

Perché dovresti farlo domani se puoi farlo oggi?

Viviamo un tempo limitato, questo lo ripeterò sempre. Ed è questo il motto proprio della mia vita, del mio blog… Di tutto.

Non guardate le influencer milionarie su gommoni assurdi che si godono le meritate vacanza (meritate perché lavori in fabbrica a 60 gradi?) non guardate i personaggi famosi fare escursioni, vestirsi con abiti ricercati perché loro per essere dove sono ora hanno studiato, lavorato o pagato qualcuno.

Noi siamo gente più semplice, gente che lavora, che sogna e che vive realmente. Noi siamo quelli che soffrono il caldo in fabbrica, dietro un bancone, in un ufficio chiusi, sui tetti e tra le mura di casa eppure siamo quelli che vivono, che si fanno male, che litigano per arrivare a fine mese, che fanno le notti dietro ai figli, che possono dire davvero di aver fatto tanto nella vita.

Magari non avranno fatto viaggi da sogno, ma vuoi mettere una scampagnata sulla spiaggia con tutta la famiglia senza pregiudizi e senza doversi nascondere dietro kg di trucco.

Ed allora lasciate perdere quella gente…. Voi valete di più. Se volete uscire con le ciabatte fatelo pure, se la maglia è quella della bancarella che vi frega è bella lo stesso, andate al mare, giocate con i vostri figli, vivete.

E fatelo ora senza piangersi addosso per quello che non si ha, ma ringraziando per quello che ci è stato donato.

Tutto ciò che abbiamo è un’opportunità da utilizzare. Quindi alzatevi e vivete, sorridete, correte. Fate quello che più vi piace e fatelo ora per voi, lasciate perdere cosa pensa la gente tanto parlerà comunque, lasciate perdere ciò che non avete perché è inutile.

Vivete da protagonisti perché anche oggi è un dono e non va buttato.

E ricordate di indossare la cosa più bella che ognuno di noi ha: il sorriso.

Challenge 5kg, tardi ma efficace

Sono sopravvissuta al compleanno di mamma… Sono riuscita a mangiare quasi tutte le portate, dolci compresi.

Stamattina sono salita sulla bilancia manco stessi andando al patibolo. Metto il primo piede e poi il secondo ma non avevo alcuna intenzione di lasciare le mani dal lavandini. Eppure l’ho fatto… Ebbene cari miei non ho messo un etto.

Lodato il signore… Posso continuare. Oggi ho combattuto con la voglia di buttarmi sul frigorifero fiera dei grammi persi e restare buona.

Alla fine ho ceduto un po’ con il pane la sera… Domani vi saprò dire. Settembre è vicino, mi devo mettere in forma per le vacanze e per me stessa.

E poi si punterà a febbraio per raggiungere il mio peso ideale… Un passo alla volta… Obiettivo per obiettivo.

Ora però vado a mangiare una pesca…. Un estate anche la frutta è una droga.

Questa è per te mamma!

Non ho avuto un rapporto facile con mia madre, alcune volte anche conflittuale, ma le ho sempre portato rispetto.

Non so perché ma la mamma spesso viene vista come la nemica di turno e quindi i miei ricordi più belli li ho legati a mio padre… Ma oggi vi parlo di lei…

Oggi sono anche io mamma e vi parlo di una mamma guerriera che ha avuto a che fare con la malattia di mio padre da sempre.

Prima l’infarto, poi la dialisi, il trapianto, il diabete e così via…. Eppure lei è sempre stata lì, per le vie dell’ospedale cercando di rassicurare me e mio fratello.

Il suo viso ogni volta si arricchiva di una ruga nuova, ma lei non ci ha mai fatto tanto caso… No, lei pensava a lasciare a noi tutto il bene.

E se non correva dietro a mio padre correva dietro a mio fratello fino a quando, qualche mese fa, gli ha regalato un rene per ridargli la vita. Nove ore di intervento, senza pensarci due volte, perché lui è suo figlio… Questo bastava.

Appena alzata dal letto, con i dolori, un organo in meno e non so quanti punti è scappata in ascensore per andare a salutare mio fratello da dietro un vetro ed accertarsi che stava bene.

Io? Beh forse con me il ruolo più duro. A lei è capitata una figlia dura, una figlia che non lascia trapelare nulla, una figlia che non mostra nulla, una figlia indipendente già a 3 anni quando decidevo se seguirli o prendere e scappare per i fatti miei.

A lei è capitata una figlia sopra le righe che non le importava nulla del parere della gente, che non ha seguito gli schemi, che non si piegava alla società. Ma le è capitata anche una figlia che se la vedeva cadere faceva da materasso, che correva per asciugarle le lacrime, che la ospitava in un letto singolo all’università per farle fare una vacanza.

Una figlia che lavorava il più possibile per regalarle un portafoglio di marca o quel bracciale… Una figlia che ha capito ed è andata oltre.

Ed oggi, cara mamma guerriera, che festeggi i tuoi 60 anni il mio pensiero va a te.

Quanta gente parla senza sapere, quanto gente si fa portare dalla curiosità e dall’ignoranza…. Ma io non ti ho mai chiesto più di un abbraccio perché ciò che mi dovevi da madre me lo hai dato.

Perché oggi sono io mamma e vorrei avere un po’ della tua forza… Perché grazie a te so cadere, ma so rialzarmi, so affrontare le avversità e so amare il nemico…. Perché se sono io lo devo anche a te che in fin dei conti hai sempre creduto in me.

Auguri mamma mia…. Grazie per quello che sei, per quello che mi hai dato, per quello che mi darai, per essere tu la mia mamma.

Immensamente grata ad ogni tua ruga, ad ogni tuo NO, ad ogni tuo Alzati, ad ogni tuo LO PUOI FARE… auguri mamma.

E voi…. Lo avete detto oggi ti voglio bene alla vostra mamma?

Non lo so… Ora però la vado a baciare.

Challenge 5 kg… I primi frutti

Immaginate la scena: due coniglietti che saltano felici in un panorama tipo le Hawaii… Ecco questo è il mio stato d’animo oggi.

Si perché noi donne xl quando perdiamo anche solo 500 grammi pare che abbiamo vinto alla lotteria.

E così io ho perso i miei primi kg, non ripresi nei balordi del 15 agosto…. Ora devo solo tenere duro e continuare così.

Ma vi avviso già che stasera ho l’ennesimo compleanno…. L’ennesima cena….

Settembre è vicino e febbraio segnerà il giorno in cui il mio traguardo sarà raggiunto…. E non mi fermo certo ora.

Voi? Che avete deciso di fare?

Un tassello della mia vita: l’amico

Eccomi qui… Ogni giorno sul PC, ascoltavo, prendevo appunti e facevo un passo avanti.

Oggi dopo un mese di studi metto un altro tassello alla mia vita… Dopo il corso di copywriter ho intrapreso questo… Perché mi piace conoscere ciò che faccio, perché mi piace studiare, perché ogni giorno è bello scoprire qual osa di più.

E lo devo all’amicizia… Si perché questo corso è fatto da una persona che stimo molto, una persona che fa parte della mia vita da molto tempo e sono certa che qualsiasi cosa accadrà noi saremo sempre gli stessi… Quei due ragazzi seduti in riva al mare a parlare dei progetti di vita… Di quello che vorremmo fare e che un giorno forse faremo.

Il mio grazie più grande va ancora a te amico mio…. Grazie.

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora